Menu Content/Inhalt

2.4 World Championship 2018

Dal 4 al 10 Agosto a Gavle (Svezia) ci sarà il Campionato Mondiale.
 
Non appena verrà realizzato il sito dell'evento qui troverete tutte le informazioni.
 
Athens 2004

Image Tra luci e colori, emozioni e storia, mito e continuita' si è tenuta ad Atene la XIII edizione dei Giochi Paraolimpici.
Atene ha accolto favorevolmente questo evento con una spettacolare cerimonia di apertura nel nuovissimo stadio olimpico.
Hanno sfilato 3.837 atleti, rappresentanti un numero record di 136 nazioni.
Un gigantesco albero, alto 25 metri e un sole con gli elementi di base della natura (acqua, fuoco, terra e vento) e il numeroso pubblico hanno fatto da coreografia all’evento. 
Nelle regate della classe 2.4Mr è stata decisiva l’ultima prova per l’assegnazione delle medaglie. Damien SEGUIN (FRA) e Thomas Brown (USA) rispettivamente primo e secondo con 17punti ciascuno e Thierry Shimitter (NED) in agguato per approfittare di eventuali errori. Si è chiusa con un 12esimo posto l’avventura di Fabrizio Olmi (Lega Navale Italiana di Milano) ai Giochi Paralimpici di Atene 2004. Olmi, 34 anni, alla prima esperienza olimpica, ha pagato lo scotto del debuttante infilando due 12esimi nella prima giornata di regate, ma anche quello della sfortuna, con la rottura del timone mentre era nel gruppo dei primi nella seconda giornata. A poco sono serviti il settimo e il nono posto del terzo giorno. Il meltemi è un vento birichino, ti regala l’emozione di stare davanti per poi togliertela quando meno te l’aspetti, e la quarta giornata ha consolidato la posizione di Olmi, comunque sempre a ridosso dei primi. Il velista milanese ha infine chiuso con il 12esimo della nona prova, quella conclusiva che ha regalato medaglia d’oro e corona d’ulivo – meritatissime – al 25enne francese Damien Seguin.
Download classifica

Intervista a Damien Seguin

Image“La felicità! Il sogno diventa realtà ma credo che lo realizzerò realmente soltanto questa sera sul podio con la mia medaglia attorno al collo. Questo titolo di campione olimpico è il risultato di anni di lavoro. Arrivando ad Atene, sapevo che avevo il potenziale per fare bene ma sapevo anche che saremmo stati cinque per tre posti sul podio. Dovevo in qualunque caso terminare dinanzi all'americano e classificarmi nei primi cinque per guadagnare l'oro. Ho scelto di attaccare fin dalla partenza. Una cosa è sicura: volevo a tutti i costi questa medaglia, la terza per la Francia nella vela. Per il futuro, in preparazione dei giochi di Pechino vorrei ripartire con il Tornado con colui che fu il mio partner d'addestramento in questi ultimi anni, Frédéric Moreau. Ma penso che continuerò a navigare in 2.4. e quindi chi sa, i Giochi Olimpici e Paralimpici non si disputano allo stesso tempo, allora...”

 
< Prec.   Pros. >